Blog

Nostro Portfolio

Bisogno di sostenibilità? La nostra sfida di comunicazione nello Youth Design Day in Japan

Quest’anno nella sua quinta edizione, Switch On Your Creativity si è fatto promotore, per la sezione design, della collettiva su tappa giapponese del The Youth Design Day in Japan, che verte su un tema ormai oggigiorno molto discusso “Design e Pianeta” da noi sostanziato in una chiave operativa finalizzata al coinvolgimento di contributi nel sottotitolo “Proiezioni di Sostenibilità”.

COVER_Design e Pianeta_no cam com

Obiettivo dell’azione targata Switch on Your Creativity in terra giapponese è quella di sostanziare, attraverso il design italiano, l’attenzione dei giovani creativi ai bisogni del Pianeta, valorizzando progetti che ambiscano a proporre migliorie nelle nostre abitudini di comportamento. Queste Proiezioni guardano ad una resa sostenibile delle idee presentate dalla collettiva, affinché diventino occasione di reale cambiamento e innovazione per metodi e materiali.

La sfida di Act Agency come communication partner di Switch On Your Creativity si colora di innovazione e dinamismo nei contenuti emersi dai progetti selezionati per meriti inerenti alla tematica dello sviluppo sostenibile. Comunicazione intensa e ricca di spunti trattandosi di idee di giovani designer appassionati e pieni di speranza per il futuro.

La caratterizzazione così dinamica ed eterogenea delle progettualità introdotte vive pertanto di un racconto targato Act Agency a cui sottende una strategia di marketing articolata sostanziata principalmente da una forte propensione per il cross-media marketing.

L’inizio della call creativa condotta dal team di Switch on Your Creativity, hub sulla creatività giovanile prodotto fin dalla prima edizione da Asian Studies Group, su una tensione progettuale di scambio fra Europa – Asia, ha visto come scenario il Fuorisalone della Milan Design Week 2018.

Gli entusiasmi progettuali selezionati dalla produzione nella collettiva internazionale ha l’opportunità di emergere in una rassegna a tema design italiano  giovani (Youth Design Day) che avrà luogo il 3 e 4 Novembre 2018 a Osaka sostenuta dall’Istituto Italiano di Cultura in concomitanza con un fitto calendario di eventi a tema Italia fra cui Italia Amore Mio coordinato dalla Camera di Commercio Italiana in Japan nella sua tappa in area Kansai.

Grazie alla collaborazione con gli organizzatori dei vari design districts di Milano, è stato possibile selezionare con cura e competenza fra le varie proposte quei prototipi e progetti che rientrassero appieno per parametri identificativi con il concept #DesignEpianeta.

promo gruppo saloneTale approccio ci ha permesso di valorizzare il progetto già in una fase offline di Guerrilla Marketing durante la Milano Design Week coinvolgendo staff italiano e giapponese nella narrazione della call artistica e fornendo così ai vari designers occasione di “ascolto” sulle loro proposte con un sustainability core. Parallelamente abbiamo intensificato una strategia di marketing della reputazione con il coinvolgimento di istituzioni e di influencers sul tema regalando allo scenario Youth design Day una cornice strutturale di interlocutori coinvolti d’alto livello.

Nelle nostre pubblicazioni su blog, social e webtv dedicata abbiamo approfondito argomenti come – per citarne alcuni – Interior Design, Sustainable Mobility, Upcycling, Circular Economy e utilizzo di materiali sostenibili nella progettazione di oggetti di uso comune.

carlino

 

kazemian_projectPer noi di Act Agency, collaborare al lancio di questo contenuti rappresenta una scelta strategica nella politica aziendale volta a comunicare eccellenze per portata innovativa. Riteniamo infatti che non vi sia innovazione senza creatività e comunicarla come contenuto di forza è per noi un obiettivo primario. Milano è per noi un bacino di estremo interesse nel binomio innovazione-creatività dato il numero elevato di eventi a tema che ogni hanno la città ospita. Basti ricordare Milano creativa (rassegna di moda, design e creatività oltre ad altri eventi di profilo internazionale che godono costantemente di una notevole affluenza in continuo aumento. L’industria creativa rappresenta per la nostra agenzia una cornice operativa di primo livello da cui attingere e con cui scambiare expertise per concertare obiettivi comuni.

video salone

Perché appassionarsi sul tema comunicativo fra Italia e Asia? Quello asiatico è un mercato in cui la qualità del Made in Italy viene riconosciuta in termini esclusivi. Infatti, stando ai dati Istat, un prodotto su due di retail italiano d’alta gamma venduto in Asia ha come destinazione il Giappone e l’Italia si qualifica come il 3° partner commerciale  dopo Germania e Francia grazie soprattutto all’abbigliamento. Molto forti anche i settori del Food e dell’Automotive. Inoltre, l’export italiano in Giappone è cresciuto costantemente con picchi di oltre il 14% rispetto al 2015. Collaborare alla comunicazione di #DesignEpianeta nella valorizzazione di design creativi e soprattutto innovativi in un paese green e amante delle produzioni italiane come il Giappone, rappresenta un’opportunità di caratterizzazione dei nostri servizi nella definizione di un marketing dell’internazionalizzazione.

La mutua collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Osaka viene vista come un’ opportunità anche in previsione di una prossima Esposizione Mondiale ad Osaka nel 2025, e che potrebbe avere come tema “Designing Future Society for Our Lives” con i sotto-temi “How to Lead a Healthy Life in a Diverse Manner” e “Sustainable Socioeconomic Systems”. Argomenti, quindi, molti vicini a quelli supportati da Switch On Your Creativity già in questa edizione del 2018.

Per maggiori aggiornamenti sul progetto Youth Design Day e le novità sulle altre sezioni creative dell’acceleratore creativo Switch On Your Creativity segui gli aggiornamenti su FB

Annunci
Nostro Portfolio

ACT Agency propone “Design E Pianeta” per Youth Design Day Japan 2018

La prima sfida da cogliere come agenzia di comunicazione nell’appuntamento chiamato Switch on Your Creativity si è presentato subito nell’elaborazione del core-content da proporre all’interno della sezione design dell’acceleratore nato con il proposito di valorizzare il carisma creativo giovanile della Città di Milano per il 2018, in un confronto sempre aperto ma principalmente rivolo al dialogo Europa e Asia.

La volontà di proporre qualcosa che fosse non solo di stretta attinenza per quanto concerne sensibilità generale dal mondo artistico e del design (basti pensare al tema Broken Nature che anima la corrente edizione della Triennale di Milano), ma anche per spessore di comunione e di interazione con Far East era alla base della nostra proposta.

Ora, conoscendo la particolare centralità che il tema “ambiente” continua ad assumere a livello mondiale, quasi come cornice tematica di necessaria interazione all’interno della comunità internazionale dal momento in cui sono venuti meno gli accordi di Kyoto dal 2012 scorso, nonché l’accalorato ritorno alla condizione della sostenibilità quale prospettiva di sviluppo di valore non solo in chiave nipponica ma anche nelle voci istituzionali di altri player asiatici quali Cina e Corea, ci è sembrato assolutamente importante cogliere l’opportunità di proporre design e pianeta al centro di un progetto che possa configurarsi come dibattito aperto fra creativi, da Milano a Giappone e viceversa.

Ecco perché al di là del tema Design E Pianeta è nel termine “proiezioni di sostenibilità” che andiamo a rafforzare l’idea di avanguardia creativa così come di sensibilità verso innovazione ma anche capacità di realizzazione e di produzione. La proiezione non è solo ideale ma anche fisica e se vogliamo geografica nel valorizzare concretamente progetti che dal Fuorisalone 2018 – design Week arrivino agli occhi di utenza, operatori, designers e istituzioni in Giappone attraverso l’opportunità di valorizzazione contenuti messa a disposizione all’Istituto Italiano di Cultura di Osaka che finanzia il progetto in una duplice tappa, prima a Nagoya e poi a Osaka in occasione del roadshow dell’italianità in Giappone “Italia Amore Mio”

L’obiettivo di Act Agency in qualità di partner per la comunicazione, è stato proprio quello di offrire, attraverso la chiave interpretativa della creatività giovanile, partendo da una città così dinamica che parla il linguaggio dell’industria della cultura, un’accezione diversa di italianità per la rassegna giapponese. Un tema come quello proposto, affronta la promozione del design giovane in una portata maggiormente cosmopolita, attenta all’apporto che tecnica, innovazione e stile possono avere se bilanciati nella prospettiva della sostenibilità ambientale.

Il nostro team grafico (Giuditta Pini graphic designer ACT Agency) ha rappresentato in una coppia di colonne dallo stile semi-futuristiche, le architetture ideali in grado di librarsi con leggerezza verso un’ombra sferica che richiama al concetto ideale di Mondo Verde.  L’integrazione di contenuti testuali sulla descrizione della open call, così come la rappresentazione grafica dell’idea progettuale, il coinvolgimento degli ambassadors che durante il Fuorisalone2018 valuteranno, promuoveranno e raccoglieranno candidature così come la definizione di parametri espositivi (fisici e video editing) sono parte del lavoro di cross-communication messi a punto dal nostro team.

L’intero prodotto sarà editato anche in giapponese con l’obiettivo di valorizzare l’inizio di un dibattito che verrà intensificato dalla prossima estate concludendosi in autunno in Japan, nella promozione dei progetti selezionati non solo all’interno della rassegna indicata ma anche sottoposti ad operatori di settore, associazioni, esperti di design, scuole e accademie.

Il progetto ottiene il patrocinio del Comune di Milano che segue il format switch on your creativity fin dalla prima edizione e l’inserimento dell’iniziativa nella Design Week 2018 e pone le basi per un’accoglienza di contenuti da Japan prevista per l’edizione 2019.

COVER_Design e Pianeta_no cam com

Nostro Portfolio

Strange and Beautiful: la nuova frontiera della creatività giovanile da Milano al Mondo.

Real-Talk-How-to-Explain-Transgender-Definition-to-Kids-MainPhoto2I giovani amano l’interessante e lo strano, ed è loro indifferente che sia vero o falso
(Friedrich Nietzsche) – Nel segno della bellezza così come della stranezza. Cosa identifica un concetto o un valore nei termini di “normalità”? Può l’estetica stessa sovra elevarsi a parametro di reinterpretazione dei termini di classificazione sociale, sessuale, culturale comuni fino a farsi prerogativa d’avanguardia nell’avanzare nuovi parametri emozionali sul concetto di diversità tale da renderli assertivi in un senso d’accettazione estesa?

Una missione, quella dell’educazione sul bello ai fini di armonizzazione e fusione con contesti storico-sociali che è propria delle arti fin dall’origine dei tempi, ma che nel turbinio evolutivo degli strumenti espressivi, così come della cross-communication, ha spesso finito con l’essere limitata a opinione e gusto personale se non addirittura dimenticata lasciando spazio ad un relativismo sull’interpretazione di metodi e contenuti  espressivi molto alto.

Con questa ambizione abbiamo deciso come Act Agency di consolidare il tema trainante e promuovere la quinta edizione di Switch on Your Creativity 2018, acceleratore creativo inaugurato nel 2013 da Asian Studies Group (che oggi lo dirige e sostiene nei termini finanziari e organizzativi) nel dialogo creativo pre-expo fra Europa e Asia.

strange and beautiful

Sono sempre sei le aree di progettualità a cui Switch on Your Creativity guarda con entusiasmo e a cui tende strumenti per analizzare, costruire, produrre, promuovere e distribuire: arte contemporanea, arti performative e spettacolo, musica, fashion e design,   short movies, innovazione.

Come prefissato dalla Carta dei Valori alla Creatività Giovanile, documento programmatico presentato da Switch on Your Creativity durante Milano EXPO 2015, l’acceleratore ha lo scopo di fornire strumenti concreti per valorizzare la partecipazione giovanile nelle sei aree e riportare l’industria della cultura intesa come innovazione creativa al centro delle attenzioni di un contesto da sempre sensibile a questo tema quale la città di Milano.

Il format prevede delle iniziative che sono direttamente proposte dalla produzione e coordinate con fondi e strumenti propri, ma è sempre possibile proporre a Switch on Your Creativity alcune progettualità coordinate e sviluppate da altri operatori ma che necessitano di supporto su alcuni elementi di definizione o di comunicazione o anche solo di pr o posizionamento.

Questa quinta edizione non mancherà di opportunità internazionali e di strumenti concreti per il rilancio di alcune aree creative. Nell’anticipare alcuni obiettivi prefissati segnaliamo per il filone Innovazione, la realizzazione di un progetto di formazione innovativo per il settore arti performative e spettacolo che venga a consolidare un prodotto artistico che coinvolga direttamente i partecipanti, nella definizione di un contratto che formalizzi il ruolo degli attori e performers. L’elemento innovativo consiste nel proporre contenuti non solo di tecnica attoriale ma anche di marketing, comunicazione del prodotto artistico, definizione dei parametri di distribuzione e di accesso ai fondi europei, passando per la pianificazione e budget di gestione sulle neoproduzioni oltre al dialogo aperto con tecnici che cooperano alla realizzazione di un prodotto d’arti performative.

Per quanto concerne il Design, è previsto una call per i progetti che coinvolgono il tema Design e Pianeta, proiezioni di sostenibilità che avrà luogo durante Fuori Salone 2018 in Milano nella fase di raccolta progetti e una serie di tappe espositive in Giappone nel roadshow Italia Amor Mio coordinato da Camera di Commercio Italiana in Giappone e all’istituto Italiano di Cultura di Osaka, con presentazione in Tokyo il 22 aprile, in Nagoya a luglio e a Osaka a novembre.

Per quanto concerne Fashion, si prevede il matching fra alcuni brand di alta gamma rappresentativi del Made in Italy e giovani fashion designers che vestiranno performers, cantanti e interpreti selezionati dalla nostra Agenzia al fine di una co-promozione continuativa e sintesi estetica nell’identificazione brand e cultura attraverso le occasioni di performance veicolate dagli artisti su territorio europeo.

Per quanto riguarda Arte Contemporanea, per il secondo anno di fila viene definita una call sul tema in oggetto al fine di consolidare una collettiva italiana in Giappone in una promozione determinata su road show in Japan a partire dal prossimo autunno.

Il filone Short Movies dopo la seconda edizione che l’ha visto protagonista in un contest internazionale consolida la sua relazione di co-promozione e visibilità all’interno dell’Italian Film and Art Festival di Seoul avvicinando Milano alla Corea in un dialogo che propone giovani registi italiani durante il festival di Seoul ormai alla decima edizione.

Trasversalmente è da segnalare poi l’azione di #PiattaformaCAI, Fondo per la Creatività, Arte e Innovazione, strutturato da Asian Studies Group e che finanzia attività artistiche allo scopo di realizzare contenuti originali da presentare a società di produzione con cui operiamo in networking professionale.

Una sfida questa, pertanto, che necessita di eterogenee competenze al fine di avvicinare professionalità a spinning creativi avvincenti e concreti. Come agenzia di marketing ci sentiamo profondamente coinvolti nella finalità operativa del format e nel rafforzare l’interpretazione dei temi sotto l’aspetto della comunicazione integrata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nostro Portfolio

Eredità Expo in Switch on Your Creativity, da Milano l’acceleratore creativo Made in Italy

A tre anni di distanza parlare di Expo Milano ha senso nel momento in cui, come sempre abbiamo evidenziato, l’esposizione Universale rappresenti un’occasione di posizionamento al di là del beneficio contingente per gli operatori di mercato destinatari di filiera per servizi erogati ai flussi umani che tale evento comporta. Come agenzia di marketing con azione animata da tensione artistica siamo entusiasti nel prendere il coordinamento di un progetto che da expo Milano (prima e durante) ha avuto origine e che da tale posizionamento costruisce un caso speciale di sviluppo programmatico in crescita che già è stato riassunto nell’hashtag #ereditaexpo.

img_0217.jpg

Trattasi del format Switch on Your Creativity #switchonyourcreativity prodotto da Asian Studies Group è sostenuto programmaticamente da diversi sponsor e partner tecnici e che ha conosciuto un’evoluzione strutturale forte nel passaggio da contest sulla creatività giovanile fino al realizzare una vera e propria piattaforma di opportunità di consolidamento di progettualità creative che da Milano coinvolgono stimoli internazionali per poi proiettare la propria azione verso scenari del Far East, Cina Giappone e Corea in primis.

Unknown

Il passaggio da contest ad acceleratore multi disciplinare sul mondo della creatività (raccogliendo stimoli da ben sei aree creative) rappresenta una configurazione che ben veicola il dialogo fra contenuto artistico / creativo e mercato inteso non solo come destinazione performativa ma anche come bacino di finanziamento delle operazioni creative medesime.

Il progetto ha raccolto difatti negli anni adesioni importanti di players molto sensibili a qualità del contenuto così come della modalità con cui arte e creatività possano diventare strumento di un marketing diffuso a beneficio della brand-identity di ogni singolo supporter. Parliamo di aziende del calibro di Enel, Samsung, Philips, Japan airlines, Accor hotels.

switch_on_your_creativity_2015_ph-c2aecamiecri-grafica008switch full                  jal-e-premio

Siamo pertanto particolarmente interessati per sintonia operativa e di strumenti a dare un apporto di sistema nel range di servizi inerenti alla strategia di progetto e di comunicazione per il format switch on your creativity a partire da una quinta edizione che vede per il 2018 già pronte alcuni contenuti nella sezione arte contemporanea, musica e spettacolo, design, innovazione, nel raccogliere, strutturare e finanziare progetti che da Milano coinvolgeranno come destinazione in primis Giappone (grazie ad una comprovata collaborazione di Asian Studies Group con istituto italiano di cultura a Osaka) ma anche Corea (inserimento di contenuti da Italia per sezione giovani cortometraggi nell Italian Film and Art Festival di Seoul) Belgio (progettualità inerenti ad #europacreativa in Bruxelles).

Seguiremo la quinta edizione dal titolo “Strange & Beautiful” dal punto di vista della comunicazione integrata online e offline e incontreremo gli sponsor al fine di consentire una perfezionata definizione degli obiettivi meta-contestuali a beneficio della strategia aziendale per cui Switch on Your creativity è chiamato dai sostenitori a rappresentarne mezzo organico di marketing di sperimentazione.

carta-giovanileOltre alla sintesi mercato – creatività ben consolidata già ad origine del progetto, notiamo come un format di questo tipo, per parametri di interrelazione con le istituzioni da Italia e Asia, rappresenti un vero e proprio strumento per la valorizzazione del marketing territoriale. Tale propensione è testimoniata dalla promulgazione durante Expo, alla presenza delle istituzioni, della Carta dei Valori alla Creatività Giovanile, un documento che raccoglie in quattro punti la tensione del progetto a voler sancire Milano quale capitale europea della creatività giovanile e di conseguenza dell’industria creativa e della cultura.

extOltre al supporto degli sponsor, da quest’anno, l’acceleratore sulla creatività godrà di maggiori strumenti: per quanto concerne la sezione musica e spettacolo, Asian Studies Group propone un nuovo assetto di produzione artistica direttamente gestito che si occupa di produzione e distribuzione di produzioni i cui interpreti sono selezionati in collaborazione con Garden Blaze Talent Management già partner tecnico di switch on your creativity fin dalla prima edizione. Sempre Asian Studies Group consolida il Fondo per la creatività arte e innovazione sostenuto dai soci Asian Studies Group e da raccolte fondi che vedono nel tema creatività il proprio core di attività.

2T9B6131-1-1200x480.jpg

Sicuri della valenza programmatica e operativa che questo format veicola, non mancheremo di aggiornare questo blog sulle azioni performanti, nei termini di strategia di marketing nella definizione dei contenuti artistici messi ad opera da ACT Agency a favore non solo dell’acceleratore creativo ma anche dei partner e sostenitori del format, che assisteremo con la competenza e professionalità che ci contraddistingue.

Senza categoria

Quando il marketing è incontro…

Mi occupo di marketing di prodotto e riqualificazione brand nei processi di internazionalizzazione di impresa all’estero da dieci anni, con un’attenzione fortissima alla tematica della diversity di target (operando principalmente sui mercati asiatici) nonché della relativa necessità di conversione e adattamento che coinvolgono non solo elementi fondanti di produzione e annessa comunicazione commerciale bensì logiche di corporate governance e di capitale umano relazionato nelle dinamiche di sviluppo commerciale su tali mercati.

Data la particolare attenzione a tematiche di cross culture e delle relative interferenze sui modelli strategici del marketing d’impresa, ho sempre di più realizzato che al di là dell’adozione di strumenti moderni e avvincenti in grado di rappresentare, al passo con le necessità di informazione, la giusta metodologia di trasmissione di contenuti e di valori legati alla logica di posizionato dei miei clienti, ho capito che al di là del tecnicismo e dell’eterogeneità dei livelli di adozione (marketing analitico, strategico, operativo sia esso tradizionale che guerilla, socialmedia, etc) la sempre più importante frontiera del neuro-marketing o marketing psicologico sottende ad un elemento univoco e basilare, fondamentale per trasmettere immagini, concetti, valori, stimoli in grado di sostenere il posizionamento di un operatore rispetto ad altri o il consolidamento di una awareness già definita così come cristallizzare in ottica di vantaggio l’identità di un brand sugli altri: sto parlando dell’incontro.

Empathy

La società dei consumi d’oggi vive una condizione di esubero di informazioni su ogni fronte e il tema della selezione e della funzionalità che sottende a questa sono di primaria importanza. Impossibile sperare di divenire oggetto di selezione della propria posizione (sia essa commerciale o meno) da parte dell’indistinto e ormai globalizzato target-market se si ignora il valore dell’incontro accanto alla necessità di veicolarlo ad analisi statistiche in grado di canalizzarne portata e reazione.

Per meglio comprendere la portata che l’incontro ha, come caratteristica primigenia per un’efficace azione di marketing, mi è stata d’aiuto la proiezione di questo in un mondo che da sempre mi appassiona e che in un certo qual modo, riassume il sottile ruolo che la comunicazione ha nell’azione di marketing: il teatro.

L’attore in mimesi con il progetto narrativo o performativo selezionato è lo strumento che crea un incontro estetico fortissimo e, pertanto, fatto di parole, concetti, valori ma anche movimenti, luci, suoni, silenzi in grado di emozionare il pubblico e avvicinarlo alla comprensione di un messaggio.

child heads with symbols
the concept of education of children.the generation of knowledge

La trasmissione di quel messaggio, che si eleva con leggerezza meta linguistica in una conversione di parametri interpretativi che è lasciata a ben altro che alla parola, perfino su terre straniere dove idioma è diverso,  è assolutamente più forte di qualsivoglia comunicazione monoveicolata sia essa digitale, visiva, narrativa etc. Il teatro se consapevole del pubblico e se costruito su questa attenzione è strumento in grado di incontrare con assoluta forza il pubblico e di commuoverlo. Non sta a chi muove l’incontro prevedere con certezza se questo sarà gradito, sconvolgente, illuminante, istruttivo o deludente.  Ma è indubbio che nell’atto di performare vi è un testing di mercato che solo un attore può realizzare attraverso la propria arte.

Lasciando il piano emozionale e ripensando alla casistica professionale è indubbio però che i casi di successo (dove l’analisi SWOT si è vista rafforzata nei punti di valore e alleggerita senza gravosità nei propri punti di debolezza) sono proprio quelli in cui l’analisi di marketing consuetudinaria lascia spazio ad un marketing operativo e di contenuto che non siano solo claim ma che producano, nella linea strategica, un incontro fatto di emotività, intimità, sistema valori. 

In questa agenzia che mi trovo come nuova sfida a dirigere, è indubbio che vedo nell’Arte, Cultura e Talento strumenti di eccezionale portata per costruire un progetto di comunicazione e marketing in grado di realizzare, al di là del necessario livello tecnico- comparativo di analisi preliminare, questo incontro, come il monologo di un attore di fronte al proprio pubblico, in grado di risuonare unicum nel posizionare elementi distintivi che andranno a contornare la definizione di una linea strategica, di brand’s identity così come di product’s value per i nostri assistiti.

Se poi l’incontro è costruito in una prospettiva mutuale dove la relazione del marketing prevede anche una reazione, in una sorta di marketing della restituzione, ci troviamo di fronte ad uno scenario estremamente utile e stimolante per i nostri assistiti: il social commerce. Un fenomeno che rappresenta l’evoluzione della tendenza di mercato e che viene a rappresentare una condizione in cui il destinatario dell’azione di marketing risponde, interagisce e ancor prima di scegliere diffonde la propria necessità, il proprio bisogno influenzando con forza l’adattamento di prodotto, comunicazione e distribuzione e rendendo il dialogo palcoscenico-pubblico allo stesso livello in una sorta di incontro alla pari dove l’attore invita il pubblico a costruire la sceneggiatura…

In un dinamismo di tale portata, il nostro ruolo di marketing experts deve essere pro-attivo e osmotico, pronto all’azione multi-disciplinare. Ecco perché abbiamo deciso di essere ACT agency.

Paolo Cacciato

Direzione Strategica Commerciale Act Agency Milano